Thus, the quantitative methods to assess motor function after SCI are needed. Agreement in principle was reached for the signing of 20 year old German under 21 international Can from Bayer Leverkusen after the conclusion of his medical. cheap nfl jerseys Thanks to evolving brain mapping technology and our growing understanding of the human mind, we may even learn to defeat the various neurological and psychological problems that come with an older brain. Who knows? Their names could even be on the mailing list your copy is going to be mailed to! They're close by, dying to hear from you anyway, and their input costs you nothing.. Hussein supported Abul Huda's risky strategy of seeking to consolidate the King's power by holding elections to a new parliament in October 1954. wholesale jerseys In family therapy, the family is seen as a system that needs to work together all members of the family are expected to be part of the therapy process.. Lampwork beads this method is labor intensive and is a variation of several other methods in the market. wholesale nfl jerseys As parts of the stadium whistled in an effort to drown out the chants, the captains of the sides were warned that the match would be suspended if the abuse continued.. wholesale mlb jerseys I think the satisfaction of doing this has had a lot to do with getting me through [the illness]. wholesale nfl jerseys And none of these problems threaten to obliterate cricket as much as corruption in the form of match fixing and spot fixing. cheap nba jerseys In the future, this could mean cash rich companies like Yahoo (NASDAQ:YHOO) (who recently purchased the rights to live stream an NFL October NFL game), or Google (NASDAQ:GOOG) (NASDAQ:GOOGL) could outbid traditional cable sports leaders around the world.

wholesalejerseysi

One mischievous suggestion was that he should be depicted on the stretcher, with an electronically controlled flashing eye. cheap mlb jerseys I've been a sports fan since I was a kid, and living in Boston now has made it fun and easy for me to continue following teams I love. It's a fact that cannot be denied. cheap nba jerseys He had a soccer scholarship in college but his mother got sick so he dropped out to help.. Luck go course plays an important role but thorough analysis of a team capability to win definitely gives the bettor an upper hand.. cheap nfl jerseys Edmonton, unlike the Bombers, will have a quarterback debate brewing this week for all the right reasons. But I do not dare. Dr Amir Farid Isahak is a medical specialist who practises holistic, aesthetic and anti ageing medicine. It was very exciting, but not intimidating. wholesale nba jerseys Merial, I have largely talked about, clearly we're moving from a product with Frontline where you put drops on the back of your dog or cat's neck and NexGard is for dogs. cheap mlb jerseys I think I a better player than I was last year. Lucille Ball, Tennessee Williams, Aldous Huxley, Norman Mailer and Salvador Dali's wife, Gala, were all fervent fans. cheap jerseys "Usted es un exagente. wholesale nba jerseys The show, Jordan says, was the first time he got the material to what I can do. wholesale jerseys (The average price of a new single detached house in Waterloo Region is $455,000.). There are three methods you can use to keep track of your inventory: (a) dollar control, which is based on selling price; unit method, which is used to confirm the results of the dollar control method by checking the actual units of merchandise according to established variables (size, color, etc) confirms the results from the dollar control method; and (c) ticket counts, based on tickets removed from items as they are sold. The shot is free, but a donation of a canned good is accepted.

dallascowboysjerseyspop

2. Interval training programs like the Sprint 8 are useful to people from all walks of life.
Why Not - Social Media, Web & SEO Agency - Lugano | Come fare SEO su un sito: 10 consigli per ottimizzarlo al meglio
21748
post-template-default,single,single-post,postid-21748,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-1.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.4.3,vc_responsive

Come fare SEO su un sito: 10 consigli per ottimizzarlo al meglio

Ad oggi chiunque abbia un sito internet deve occuparsi della sua ottimizzazione se vuole raggiungere dei risultati apprezzabili nel posizionamento sui motori di ricerca. Eppure non sempre si attuano le giuste misure per questa operazione, complice una certa fumosità delle regole dettate da Google – e, del resto, se tutti conoscessero i passi giusti da compiere, non ci sarebbe più competizione.

Ma ci sono alcuni fattori che non possono proprio essere ignorati: lavorare sul proprio sito seguendo questi elementi è di primaria importanza se l’obiettivo è quello di aumentare il traffico e raggiungere posizioni rilevanti sui motori di ricerca.

Questi sono 10 buoni consigli per ottimizzare il vostro sito web:

 

Usare le keyword giuste

Non basta trovare delle parole chiave tematicamente corrette: è necessario che non siano né troppo generiche (a causa dell’alta competizione) né troppo difficili o settoriali (le ricerche in questi ambiti sono sempre minori e generano poco traffico). La soluzione è una buona via di mezzo: in questo può aiutarvi Google Adwords.

 

Content is king

È fondamentale avere dei contenuti validi, che siano ottimizzati ma che siano soprattutto pensati per i lettori. È inutile quindi riempire i testi di parole chiave: questa pratica, detta “keyword stuffing”, allontana i lettori ma anche i motori di ricerca, che ritengono tale comportamento scorretto. (Scopri come dovrebbero essere i contenuti in questo articolo)

 

Suddividere il testo in paragrafi usando i tag di intestazione

Utilizzare i tag H1-H6 (generalmente si usano i primi 3) permette un’efficace divisione dei contenuti, che influenza positivamente sia la lettura degli utenti che la percezione dei vari livelli di importanza da parte dei motori di ricerca. (Scopri come utilizzarli in questo articolo)

 

Sfruttare il tag Title e il meta tag Description

Pur avendo una diversa importanza, entrambi risultano utilissimi per indirizzare il traffico sul vostro sito. Il tag Title aiuta i motori di ricerca ma anche gli utenti: è fondamentale personalizzarlo (rimanendo nei limiti della lunghezza adeguata) perché rappresenta il vostro biglietto da visita.
Allo stesso modo, il meta tag Description può aiutare a convincere l’utente a cliccare proprio sul vostro indirizzo tra i risultati proposti: anche la descrizione del sito può quindi fare la sua parte.

 

Ottimizzare le immagini

Le immagini sono un elemento imprescindibile dei contenuti web: attirano l’attenzione, rendono la lettura più leggera e, inoltre, se ottimizzate possono aiutarvi nel posizionamento sui motori di ricerca. È necessario stare attenti alle dimensioni, ai nomi dei file e anche agli attributi TITLE e ALT che, se opportunamente compilati, contribuiranno in modo importante all’ottimizzazione del vostro sito. (Scopri 4 plug-in che potranno aiutarti nell’indicizzazione delle immagini).

 

Evitare i duplicati

Google non apprezza le pagine doppie e in generale i contenuti duplicati: ma a volte succede, soprattutto con i siti che hanno elenchi identici che possono essere messi in ordine secondo diversi criteri. È quindi fondamentale dire ai motori di ricerca che si tratta della stessa pagina e per farlo si possono utilizzare due metodi: Redirect 301, per fare in modo che più indirizzi convergano in uno solo, oppure il tag Canonical, che mantiene tutte le pagine esistenti ma indica quale di queste sia la “preferita” nonché quella da indicizzare.

 

Inviare la Sitemap a Google

Aiutare Google a scansionare il vostro sito è visto come un atteggiamento positivo, che fa risparmiare tempo al motore di ricerca. Esistono tool per generare le sitemap, o plugin se si utilizza WordPress.

 

Ottimizzare gli URL

Anche gli URL contribuiscono all’ottimizzazione di un sito e sono utili non solo perché possono contenere le parole chiave che aiutano i motori di ricerca, ma anche per il loro essere “user-friendly”: un utente sarà più portato a cliccare su un indirizzo descrittivo rispetto a uno illeggibile.

 

Usare i link interni

Mantenere l’utente sul proprio sito è importante e per questo motivo utilizzare i link interni è uno strumento validissimo. È necessario stare attenti ai link non funzionanti, perché questo è un problema sia per l’utente che per il robot durante la scansione.

 

Usare Google Webmaster Tool

Che sia per individuare errori interni, 404 di pagine non trovate o sezioni migliorabili, il Webmaster Tool di Google è ormai indispensabile per qualunque sito web. Utilizzarlo permette di migliorare la propria performance e di monitorare il rendimento delle proprie pagine.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.