Thus, the quantitative methods to assess motor function after SCI are needed. Agreement in principle was reached for the signing of 20 year old German under 21 international Can from Bayer Leverkusen after the conclusion of his medical. cheap nfl jerseys Thanks to evolving brain mapping technology and our growing understanding of the human mind, we may even learn to defeat the various neurological and psychological problems that come with an older brain. Who knows? Their names could even be on the mailing list your copy is going to be mailed to! They're close by, dying to hear from you anyway, and their input costs you nothing.. Hussein supported Abul Huda's risky strategy of seeking to consolidate the King's power by holding elections to a new parliament in October 1954. wholesale jerseys In family therapy, the family is seen as a system that needs to work together all members of the family are expected to be part of the therapy process.. Lampwork beads this method is labor intensive and is a variation of several other methods in the market. wholesale nfl jerseys As parts of the stadium whistled in an effort to drown out the chants, the captains of the sides were warned that the match would be suspended if the abuse continued.. wholesale mlb jerseys I think the satisfaction of doing this has had a lot to do with getting me through [the illness]. wholesale nfl jerseys And none of these problems threaten to obliterate cricket as much as corruption in the form of match fixing and spot fixing. cheap nba jerseys In the future, this could mean cash rich companies like Yahoo (NASDAQ:YHOO) (who recently purchased the rights to live stream an NFL October NFL game), or Google (NASDAQ:GOOG) (NASDAQ:GOOGL) could outbid traditional cable sports leaders around the world.

wholesalejerseysi

One mischievous suggestion was that he should be depicted on the stretcher, with an electronically controlled flashing eye. cheap mlb jerseys I've been a sports fan since I was a kid, and living in Boston now has made it fun and easy for me to continue following teams I love. It's a fact that cannot be denied. cheap nba jerseys He had a soccer scholarship in college but his mother got sick so he dropped out to help.. Luck go course plays an important role but thorough analysis of a team capability to win definitely gives the bettor an upper hand.. cheap nfl jerseys Edmonton, unlike the Bombers, will have a quarterback debate brewing this week for all the right reasons. But I do not dare. Dr Amir Farid Isahak is a medical specialist who practises holistic, aesthetic and anti ageing medicine. It was very exciting, but not intimidating. wholesale nba jerseys Merial, I have largely talked about, clearly we're moving from a product with Frontline where you put drops on the back of your dog or cat's neck and NexGard is for dogs. cheap mlb jerseys I think I a better player than I was last year. Lucille Ball, Tennessee Williams, Aldous Huxley, Norman Mailer and Salvador Dali's wife, Gala, were all fervent fans. cheap jerseys "Usted es un exagente. wholesale nba jerseys The show, Jordan says, was the first time he got the material to what I can do. wholesale jerseys (The average price of a new single detached house in Waterloo Region is $455,000.). There are three methods you can use to keep track of your inventory: (a) dollar control, which is based on selling price; unit method, which is used to confirm the results of the dollar control method by checking the actual units of merchandise according to established variables (size, color, etc) confirms the results from the dollar control method; and (c) ticket counts, based on tickets removed from items as they are sold. The shot is free, but a donation of a canned good is accepted.

dallascowboysjerseyspop

2. Interval training programs like the Sprint 8 are useful to people from all walks of life.
Why Not - Social Media, Web & SEO Agency - Lugano | I contenuti sul web: le 5 regole da seguire
21555
post-template-default,single,single-post,postid-21555,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-1.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.4.3,vc_responsive

I contenuti sul web: le 5 regole da seguire

Quando si passa ad elaborare i contenuti dei propri post, bisogna considerare alcune regole che, indipendentemente dall’argomento trattato, sono universali: questo perché quando leggiamo un articolo su un giornale o su internet abbiamo comportamenti molto diversi tra di loro, che non possono essere ignorati quando si elabora la costruzione di un post online.
Ad oggi infatti si ha sempre meno tempo per concentrarsi su un singolo post, non solo perché viviamo vite frenetiche in cui le ore sembrano non bastare mai, ma soprattutto perché siamo immersi in un flusso di informazioni costante e ricchissimo. Quante volte ci troviamo sul nostro browser con più di una finestra aperta, di cui almeno una dedicata ad un social network? Quante volte riusciamo a finire la lettura di un articolo senza aver lanciato neanche un’occhiata alle notifiche in arrivo?

Potremmo immaginarci l’utente come una sorta di “lettore ansioso” con poco tempo e tante cose da fare: portare una persona con queste caratteristiche a finire un articolo, anche medio-lungo, può considerarsi davvero un successo! Esistono dei trucchi per fare tutto questo: ecco quindi 5 regole da seguire per raggiungere questo obiettivo.

  • Non dimenticarsi mai di scrivere per gli utenti
    Sembra un suggerimento scontato, ma non è così. Vedremo più avanti come ci siano considerazioni lato SEO e social da tenere a mente quando si scrive, e che saranno utilissime per ampliare il vostro pubblico di lettori; ma la priorità deve sempre essere la qualità dei vostri contenuti, ideati prima di tutto per il target elaborato durante la stesura della linea editoriale. “Content is king” (“il contenuto è re”), diceva Bill Gates vent’anni fa, e questa frase, benché usata e abusata negli ultimi anni, rimane la pietra angolare di tutto il lavoro di scrittura online.
  • Non copiate!
    I post che scriverete per il vostro blog dovranno, ovviamente, trattare argomenti di interesse per i vostri lettori seguendo la linea editoriale stabilita in precedenza. Spesso, tuttavia, le idee possono mancare e si rischia di cedere alla tentazione di copiare contenuti altrui o anche i propri. È inutile dire come ci siano motivazioni etiche per non farlo, soprattutto quando si tratta di articoli di altri autori; ma, qualora questo non bastasse, sappiate che i motori di ricerca puniscono severamente questo tipo di comportamento. I contenuti copiati, infatti, subiscono una penalizzazione nel ranking, che potrebbe portarvi a ricevere meno visite a causa della posizione sempre più bassa del vostro blog nelle SERP.
  • Chiarite subito l’argomento e siate concisi
    Il lettore medio è molto impegnato e distratto, dunque bisogna attrarre la sua attenzione nel minor tempo possibile. Per questo motivo, l’utente prediligerà gli articoli brevi rispetto a quelli molto lunghi, e soprattutto preferirà avere chiaro fin da subito quale sia il concetto di base del post; il focus deve quindi essere esposto subito, mentre l’approfondimento sarà successivo.
    Alcuni blog, di stampo più argomentativo, ospitano di conseguenza articoli più lunghi, che quindi non potranno seguire le regole di brevità o di focus appena esposte. In questi casi sarà l’impostazione grafica dell’articolo, e in particolare la formattazione del testo, a svolgere un ruolo fondamentale.
  • Non dimenticate la punteggiatura
    Nella maggior parte dei casi, come si diceva, su internet si preferiscono contenuti chiari e concisi, e a questo proposito è consigliabile utilizzare una sintassi semplice. Questo però non vuol dire che i vostri testi dovranno avere solo frasi brevissime! La semplicità paga, ma la punteggiatura è fatta di tanti elementi e non solo di punti: costruire un intero testo fatto solo di frasi minime (o quasi) rischia di annoiare e di rendere l’articolo pesante.
    Se invece il taglio del vostro blog richiederà un’impostazione di tipo argomentativo, ricordatevi che una sintassi più complessa dovrà a maggior ragione essere supportata da un utilizzo corretto della punteggiatura: due punti, punti e virgola e virgole dovranno essere usati con cognizione di causa, ma sempre senza esagerare.
  • Rileggere, controllare, correggere
    Se dopo tutto questo lavoro i vostri lettori dovessero trovarsi davanti ad un testo ricco di ripetizioni e imprecisioni, potremmo comodamente parlare di fatica sprecata. Certo, un errore può capitare a tutti, ma un testo poco curato manifesta poco rispetto per l’utente, che tenderà a perdere interesse per un blog in cui la forma non è seguita tanto quanto il contenuto.
    Le riletture sono quindi importantissime, soprattutto se fatte ad alta voce: leggere “a mente” infatti porta a sorvolare sui difetti e dunque a non notare alcuni errori. Rileggere ad alta voce, invece, rallenta la correzione e permette di scovare anche il più nascosto tra i refusi.

Chiarezza, correttezza e originalità sono le basi fondamentali per avere ottimi contenuti.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.