Richiedi informazioni

 

Facebook oltre i like: arrivano le Reactions

Tempo di lettura: 2 minuti

Con un aggiornamento accompagnato dalla notizia data direttamente da Mark Zuckerberg sul suo profilo, Facebook introduce la più grande novità nell’ambito “feedback” da molto tempo a questa parte: sono infatti arrivate le Reactions, ovvero 5 reazioni in più rispetto al canonico “mi piace” che permettono di esprimere una maggiore varietà nelle risposte degli utenti.Già da tempo si era fatta pressante l’esigenza di avere un’alternativa al like, che per il suo significato presuppone sempre un commento positivo. Anche in italiano il “mi piace” esprime infatti un apprezzamento che può essere rivolto solo in modo univoco allo status scritto, al video condiviso, all’articolo postato. Tuttavia, nel caso di aggiornamenti o notizie negative, molti utenti si sono trovati spesso nella condizione di dover chiarire che il like non doveva essere inteso come un vero “mi piace”, ma piuttosto come un segnale di supporto, di comprensione o più semplicemente di condivisione di un determinato pensiero.

In molti hanno quindi richiesto un tasto “non mi piace” da contrapporre all’originale “pollice in su”, ma Zuckerberg ha spiegato come questa scelta potesse portare a situazioni spiacevoli, e non è difficile intuire quali: paura degli utenti ad esprimersi per non ricevere feedback negativi, ritorsioni soprattutto in ambito adolescenziale, ma anche conseguenze commerciali per le pagine social delle aziende.

Ecco quindi le 5 nuove reazioni (oltre al like, che rimane invariato se non per un piccolo aggiornamento di grafica) che, secondo le intenzioni, andranno ad affinare le interazioni tra gli utenti: “love”, “haha”, “wow”, “sad” e “angry” per manifestare amore, risata, stupore, tristezza e rabbia davanti a notizie di qualunque genere. “Le persone vogliono esprimere la loro empatia – dice Zuckerberg sul suo profilo – e sentirsi a proprio agio nell’espressione di una gamma più vasta di emozioni”.

Le Reactions sono state testate per molto tempo affinché fossero univocamente comprensibili per le persone di tutto il mondo; dopo mesi di studi, analisi e test, si è giunti a queste cinque nuove icone, che permetteranno agli utenti di dare un parere sempre più intuitivo e preciso del loro stato d’animo rispetto agli aggiornamenti in bacheca.