Thus, the quantitative methods to assess motor function after SCI are needed. Agreement in principle was reached for the signing of 20 year old German under 21 international Can from Bayer Leverkusen after the conclusion of his medical. cheap nfl jerseys Thanks to evolving brain mapping technology and our growing understanding of the human mind, we may even learn to defeat the various neurological and psychological problems that come with an older brain. Who knows? Their names could even be on the mailing list your copy is going to be mailed to! They're close by, dying to hear from you anyway, and their input costs you nothing.. Hussein supported Abul Huda's risky strategy of seeking to consolidate the King's power by holding elections to a new parliament in October 1954. wholesale jerseys In family therapy, the family is seen as a system that needs to work together all members of the family are expected to be part of the therapy process.. Lampwork beads this method is labor intensive and is a variation of several other methods in the market. wholesale nfl jerseys As parts of the stadium whistled in an effort to drown out the chants, the captains of the sides were warned that the match would be suspended if the abuse continued.. wholesale mlb jerseys I think the satisfaction of doing this has had a lot to do with getting me through [the illness]. wholesale nfl jerseys And none of these problems threaten to obliterate cricket as much as corruption in the form of match fixing and spot fixing. cheap nba jerseys In the future, this could mean cash rich companies like Yahoo (NASDAQ:YHOO) (who recently purchased the rights to live stream an NFL October NFL game), or Google (NASDAQ:GOOG) (NASDAQ:GOOGL) could outbid traditional cable sports leaders around the world.

wholesalejerseysi

One mischievous suggestion was that he should be depicted on the stretcher, with an electronically controlled flashing eye. cheap mlb jerseys I've been a sports fan since I was a kid, and living in Boston now has made it fun and easy for me to continue following teams I love. It's a fact that cannot be denied. cheap nba jerseys He had a soccer scholarship in college but his mother got sick so he dropped out to help.. Luck go course plays an important role but thorough analysis of a team capability to win definitely gives the bettor an upper hand.. cheap nfl jerseys Edmonton, unlike the Bombers, will have a quarterback debate brewing this week for all the right reasons. But I do not dare. Dr Amir Farid Isahak is a medical specialist who practises holistic, aesthetic and anti ageing medicine. It was very exciting, but not intimidating. wholesale nba jerseys Merial, I have largely talked about, clearly we're moving from a product with Frontline where you put drops on the back of your dog or cat's neck and NexGard is for dogs. cheap mlb jerseys I think I a better player than I was last year. Lucille Ball, Tennessee Williams, Aldous Huxley, Norman Mailer and Salvador Dali's wife, Gala, were all fervent fans. cheap jerseys "Usted es un exagente. wholesale nba jerseys The show, Jordan says, was the first time he got the material to what I can do. wholesale jerseys (The average price of a new single detached house in Waterloo Region is $455,000.). There are three methods you can use to keep track of your inventory: (a) dollar control, which is based on selling price; unit method, which is used to confirm the results of the dollar control method by checking the actual units of merchandise according to established variables (size, color, etc) confirms the results from the dollar control method; and (c) ticket counts, based on tickets removed from items as they are sold. The shot is free, but a donation of a canned good is accepted.

dallascowboysjerseyspop

2. Interval training programs like the Sprint 8 are useful to people from all walks of life.
Why Not - Social Media, Web & SEO Agency - Lugano | 5 motivi per cui LinkedIn NON è Facebook
21576
post-template-default,single,single-post,postid-21576,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-1.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.4.3,vc_responsive

5 motivi per cui LinkedIn NON è Facebook

Quando si parla di social network capita spesso di non fare le opportune distinzioni tra uno e l’altro; è invece importante comprendere quali siano le peculiarità del singolo mezzo, non solo per sfruttarlo al meglio delle sue potenzialità, ma anche e soprattutto per evitare di compiere degli errori che potrebbero portarci ad essere inadatti al luogo (virtuale) in cui ci troviamo.

Un esempio tipico in questo senso è LinkedIn che, come tutti sanno, è un social network utilizzato dai professionisti e orientato al mondo del lavoro. Basterebbe questo per distinguerlo da Facebook, che nasce invece come strumento per contatti personali e informali; ma capita quasi quotidianamente di imbattersi in profili di lavoratori che pubblicano su LinkedIn gli stessi contenuti che potrebbero mostrare su una pagina personale.

Quali sono quindi i 5 motivi per cui LinkedIn non va confuso con Facebook?

  • Contatti professionali vs. personali
    LinkedIn nasce dall’esigenza di mettere in connessione professionisti di diverse o simili aree lavorative con l’obiettivo di sviluppare collaborazioni o trovare vere e proprie opportunità professionali. Va da sé che, benché nessuno ci impedisca di avere nella nostra rete conoscenti e amici, lo scopo precipuo di questo social sia quello di conoscere persone che non saremmo in grado di incontrare per altre vie.
  • Facebook, invece, predilige una rete di contatti “noti”, o anche persone sconosciute ma con le quali vogliamo instaurare un rapporto più personale. È evidente quindi che l’atteggiamento da adottare nei due casi sia completamente diverso.
  • Immagine pubblica vs. privata
    Da quanto detto ne consegue che l’immagine che daremo all’esterno sarà profondamente diversa rispetto a quella restituita nel privato. Le regole che si seguono per scegliere la foto da mettere nel proprio curriculum vitae sono le stesse che si dovrebbero adottare per quella di LinkedIn, perché lo scopo è il medesimo. Di certo nessuno ci impedisce di mettere un’immagine professionale anche su Facebook, ma è altamente sconsigliato fare il contrario: chi visita il nostro profilo su LinkedIn vuole sapere come siamo per farsi un’idea della nostra identità lavorativa, e una foto delle nostre ultime vacanze al mare non è il modo giusto per veicolarla.
  • Contenuti professionali vs. personali
    Il ragionamento usato per le foto del profilo costituisce la base per tutto il resto: anche i contenuti, infatti, dovranno seguire la medesima regola. Di cosa parleremmo con un potenziale collaboratore o con un nostro supervisore? Certo non di gattini o di nuove ricette per la nostra dieta. Sia LinkedIn che Facebook offrono la possibilità di condividere articoli e immagini, ma questo non vuol dire che la finalità sia la stessa: a ciascuno il suo, insomma, e se proprio vogliamo pubblicare un commento professionale su Facebook siamo liberi di farlo, ma evitiamo di fare il contrario.
  • Profilo aperto vs. chiuso
    Proprio perché la nostra identità pubblica e quella privata non sono la stessa cosa, ne consegue che anche il concetto di privacy sarà obbligatoriamente diverso. Sul social network di Zuckerberg abbiamo la possibilità di creare qualunque tipo di pagina, dalla più seria alla più personale; di conseguenza anche l’apertura del profilo (a tutti o solo ai propri contatti) potrà essere variata nel modo ritenuto più opportuno. Al contrario, creare un profilo chiuso su LinkedIn non ha alcun senso: se lo scopo del social è di farci comunicare con professionisti e soprattutto con persone che non ci conoscono, non permettere loro di visualizzare la nostra pagina vuol dire fraintendere completamente il significato di uno strumento come questo.
  • Tono formale vs. informale
    È infine molto importante ricordarsi che il tono da utilizzare quando si discute di argomenti lavorativi è molto diverso rispetto a quello che usiamo con i nostri amici. Sembra un’ovvietà, ma spesso non è così: il fatto che anche LinkedIn permetta di intervenire in discussioni e in gruppi con altre persone dà l’illusione che il comportamento da tenere possa essere lo stesso usato su Facebook nei commenti pubblici. Oltre alle regole base della netiquette (e dell’educazione in generale), è fondamentale considerare che qualunque cosa si scriva su LinkedIn può essere letta da potenziali contatti lavorativi. Ma soprattutto bisogna ricordarsi che internet non dimentica: rimarrà sempre traccia di quanto abbiamo pubblicato, dunque il consiglio è quello di rileggere quello che si scrive e di riflettere bene prima di inviare.
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.